Il Festival dei Claustri è alle porte. Il 13 e 14 settembre la città antica di Altamura sarà animata da performance artistiche, laboratori, mostre e incontri con l’autore dal respiro nazionale e internazionale. Tanti saranno, infatti, gli artisti italiani e stranieri che riempiranno i claustri con un unico obiettivo: far rivivere questa parte della città molte volte trascurata.

L’associazione sin dalla sua nascita ha avuto come missione quella di dare nuovamente un’anima ai claustri rispolverando la loro storia millenaria che li ha visti nascere come un meltin’ pot ante litteram.

Il tema scelto per i prossimi 13 e 14 settembre e di tutto l’anno a venire è “Spazi Armonici”. Grazie alle performances i claustri vibreranno di una nuova armonia e di arte, un perfetto dispositivo per far conoscere, tutelare e valorizzare le architetture storiche identitarie.

Un altro fil rouge sarà “Cancelli Aperti”. Tutte le esibizioni cercheranno di aprire i claustri al pubblico. Ma in un senso più metaforico gli artisti apriranno il loro mondo interiore per trasmettere la loro arte attraverso suoni, movimenti e parole.

Il Festival, ospitato dalla Sagra della Lenticchia e del Pane presso il monastero del Soccorso concluderà la manifestazione estiva con un’improvvisazione corale estemporanea, gli artisti coinvolti in questa settima edizione trasmetteranno al pubblico l’essenza di tutta la macchina organizzativa: la partecipazione e il coinvolgimento. L’attività di cobranding tra i due Festival ha permesso, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, di realizzare un programma eventi univoco. Dal giorno 13 al giorno 15 settembre Altamura sarà il palcoscenico per attività di Ambiente, Arte, Concerti e Gastronomia.

È, infine, doveroso ringraziare tutti gli sponsor e gli enti che hanno patrocinato la manifestazione supportandola e facendola crescere.