Idee

Coronavirus, il liberismo messo a nudo

L'epidemia da coronavirus che sta mietendo vittime con spietata disumanità ha messo anche a nudo le contraddizioni di un sistema economico che non regge quando c'è di mezzo la vita, e che anzi, spesso, la mette a repentaglio

La premessa necessaria a quanto si scrive sta nel rispetto più profondo del dolore e dello strazio vissuto da chi, nel mondo intero, ha dovuto toccare impotente la virulenza mortale del coronavirus. La morte è parte della vita, mentre l’impossibilità di assistere i propri cari nel momento del trapasso ha una logica inumana.

L’amore ai tempi del colera è il titolo di libro oggi più riadattato, con il coronavirus che prende il posto del colera e l’amore sostituito da ogni aspetto della vita. Ribaltare l’ottica di un processo biologico, sociale e politico che tutti unisce e tutto appiattisce può essere esercizio che prova a vedere un lato altro dello stato reale delle cose. Cosa si può dire cioè degli effetti del coronavirus sul neoliberismo, e allo stesso tempo quali sono le cause indotte dal neoliberismo sulla comparsa del coronavirus? Insomma, può il coronavirus, per assurdo, prendere il posto dell’amore e il neoliberismo quello del colera? La pandemia non è allora paradossalmente, nella sua tragicità e pericolosità, il sussulto della vita vera, la risposta tutta biologica degli ecosistemi violati dall’invasione della produzione con il suo carico di contaminazione? Non è allora la produzione pandemica alla stregua del colera? La risposta non definitiva ma dubitativa nella sua ontologia è per noi . Di seguito alcuni spunti non esaustivi e provocatoriamente abbozzati.

La brutalità di una pandemia

Di questo virus non si conosce tutto, neanche l’effettiva immunità dopo il contagio. Non è cioè chiaro neanche se una volta arrivati a zero nuovi contagiati il virus non possa ripresentarsi il prossimo inverno con una nuova struttura non riconoscibile dal sistema immunitario, colpendo così di nuovo e vanificando così anche un eventuale nuovo vaccino. Non è quindi al momento eliminata la possibilità che ci si possa trovare di nuovo in situazioni simili a quella d oggi, nel breve periodo. Non c’è molto da argomentare insomma, questa è la sostanza, brutale, da cui partire. Dal punto di vista del contagio però vale la pena applicare il minimo buonsenso scientifico, senza incedere in scientismo, ma senza neanche derubricare ogni cosa a dispositivo di controllo e assoggettamento o assolutamente vincolatoa alla volontà di mantenimento delle catene di valore. O meglio: anche se le cose stessero così, vanno analizzate nel quadro di una condizione del tutto eccezionale, dunque comprese nella loro complessità. Il rischio è altrimenti di non comprenderne la reale portata. La responsabilità di ciascuno nel rispetto delle norme del distanziamento sociale, unico farmaco oggi a nostra disposizione non distribuito o imposto dalle lobbies farmaceutiche, può essere il granello di sabbia che moltiplicato fa crollare i castelli fatti di mille parole e altrettante gabbie costrittive. A questa risposta biopolitica, di fronte alla consapevolezza di tutti e di ciascuno, e a prescindere dalla forma decreto, possono i poteri forti continuare a pretendere di produrre? Possono continuarsi a considerare al di sopra del contagio? Può il loro profitto continuare a non considerare la nostra salute?

L’orizzontalità che la volatilità contagiosa di un sicario latente come un virus induce è il primo tratto che risalta agli occhi. Nessun confine rimane tale, nessun luogo geografico può considerarsi escluso, l’umanità intera nella sua capacità di astrazione e di empatia è coinvolta, forse meglio dire travolta, ogni organizzazione umana risulta stravolta. Il neoliberismo su tutte. Con la sua tendenza alla privatizzazione tout court, il ricorso all’efficienza prestazionale come unico metro di misura, la massimizzazione dei profitti come dogma senza alternative. Con lo smantellamento di ogni spazio pubblico considerato zavorra anacronistica di una competitività che tutto migliora e tutto fa risplendere. Con il mercato come regolatore di ogni cosa, i derivati, i future, gli algoritmi, mezzi sofisticati troppo spesso divenuti fini beceri e via dicendo. Tutto questo diversificato blocco ideologico, tutti questi dispositivi di controllo sono ridicolizzati nella loro essenza, resi inadeguati e inconsistenti nella loro capacità di intervento, denudati nella loro ipocrita costituzione. Certo, un ennesimo autorigenerativo balzo del capitale nel suo stesso campo è sempre possibile. È possibile che il complesso economico e finanziario produrrà l’ennesimo strumento speculativo per proteggersi da eventi come le pandemie, come già fatto con i climate bond dal settore delle fonti fossili; derivati che coprono i mancati profitti causati ad esempio da inverni meno freddi e quindi da minor vendita di combustibili. Allo stesso modo chi controlla gli infiniti flussi di dati prodotti in questa fase di stato di emergenza potrà perfezionare i suoi algoritmi per renderli più efficienti e indirizzarli verso ulteriori capacità di profilazione, controllo e messa a valore anche del tempo di vita oltre a quello di lavoro. Ci potrà essere la rincorsa a strumenti assicurativi specifici, o magari l’imposizione di questi dentro gli attuali strumenti di credito bancario. Ma può essere possibile anche il contrario, tutti questi strumenti di potenza finanziaria potrebbero desistere invece che affinarsi e moltiplicarsi. Certamente esigeranno valanghe di soldi pubblici a deficit per coprire le perdite. Ma sarà la dimostrazione che i soldi ci sono, altro che.

Corpi diffusori-contagiati. Condizionamento o disciplinamento

Stiamo ragionando di un fenomeno biopolitico nella sua essenza. Sappiamo come il corpo-terra aggredito dall’espansione della frontiera produttiva in aree finora non toccate da presenza umana o in cui non esisteva un insediamento stabile, abbia reagito non solo attraverso il complesso di fenomeni racchiusi per sintesi nella categoria cambiamenti climatici, ma anche attraverso fenomeni strettamente connessi come epidemie e pandemie. Ne è testimonianza il Covid-19, come la Sars, come l’Ebola. Oggi ogni corpo è coinvolto nella doppia veste di diffusore-contagiato, e così non può che essere nella condizione di pervasività globale in cui questo virus si presenta. La duplice veste imposta di possibile diffusore-contagiato coinvolge totalmente le nostre vite, i nostri comportamenti, le nostre emotività. È chiara a tutti insomma l’esistenza di un rischio reale, ma cambia la percezione di questo rischio. Su questa percezione, fornita dal mondo scientifico coinvolto in questo momento nei processi di governo dell’emergenza, si innestano le scelte politiche adottate fino ad oggi a livello globale, cioè l’insieme dei dispositivi giuridici messi in campo dal potere politico per condizionare i comportamenti quotidiani. Quanto questo condizionamento (in senso di temporaneità) si vorrà trasformare in disciplinamento (in senso di corpus di regole totali e permanenti), come già alcuni sostengono con sorprendente sicurezza, vedremo. Se è vero che è la vita intera sussunta continuamente dentro meccanismi di valorizzazione e controllo, è altrettanto vero che le soggettività sanno esprimere sempre una loro alterità. Perché non dovrebbero farlo anche ora? Tutti, anche i pensatori più sopraffini, quelli che mai si sono arresi all’ingerenza del capitale e alla virulenza del prestante postmoderno, sono divisi, se non squarciati, tanto nei presupposti teorici quanto nelle finalità del loro argomentare. Chi vede nell’emergenza sanitaria l’ennesima rappresentazione dello stato di eccezione permanente fondato sulla nuda vita, chi identifica il virus  come sublimazione del capitalismo dei disastri, chi, ribaltando il fronte, lo osserva da una prospettiva biopolitica e fa della responsabilità molteplice l’antagonista per eccellenza di un potere che ingloba la vita di tutti e di ciascuno, chi addirittura lo considera come araldo del comunismo che sarà. In mezzo a tutto ciò una popolazione tendenzialmente alla ricerca di rassicurazioni troppo spesso trovate in uomini forti dalle idealità deboli e in modelli (post)disciplinari da riversare sull’altro più o meno estraneo, essenzialmente più debole, con la gravitazione sociale cioè a fare da nord a una bussola senza umanità. Stiamo in un quadro di stato di emergenza, non di stato di eccezione. Non vi è dubbio al contempo che pur dentro uno stato di emergenza possano innestarsi dispositivi che in qualche modo prefigurano uno stato di eccezione. Ma non bisogna commettere l’errore di utilizzare la realtà come plastilina da modellare per farla aderire a concetti teorici ritenuti, erroneamente, in grado di spiegare ogni cosa sempre. Intanto perché sarebbe un grave errore metodologico dal punto di vista scientifico. E poi perché la realtà non è materia, non è un composto, ma l’intersezione di piani molteplici, di infinite variabili, trasformazioni possibili, inversioni repentine: insomma è la vita vera di ogni essere umano. Essere umano che, proprio in un quadro di molteplicità, vive in modi diversi una emergenza reale come il virus, e come sappiamo bene, può apparire, solo per fare una connessione tra le molte, nello stesso momento riluttante a una visione comune e solidale come alla coercizione e al disciplinamento. Assoggettamento e soggettivazione coabitano. Capiremo se la condizione di possibile diffusore-contagiato avrà una sua funzione disciplinatoria anche dopo l’emergenza, o questa consapevolezza di fragilità estrema possa condurre a un desiderio di protezione sociale non securitaria a una solidarietà pratica e non a una concorrenzialità feroce.

Il virus ha messo a nudo il Re. I soldi ci sono

Sta di fatto che alcuni fattori alla base delle decisioni sono evidentemente comuni alla governance globale: non mettere in discussione i meccanismi di valorizzazione economica, la produzione, non mandare in crisi irreversibile i diversi sistemi sanitari, colpiti quasi dovunque dai tagli e privatizzazioni, fermare il contagio. Non vi è dubbio insomma, almeno in primissima approssimazione, che la condizione pervasiva e universale di diffusore-contagiato è stata messa in discussione per isolare il più possibile i produttivi non necessari dai produttivi. Un’operazione di chirurgia sistemica, camuffata dietro i vari decreti e campagne stampa #restoacasa, costretta, questo ci dicono le cronache dell’ultim’ora, a cedere le armi di fronte al funereo elencare di vite umane perse, nelle quotidiane conferenze stampa pomeridiane della Protezione Civile. Confindustria, apparentemente vinta sul suo campo, chiederà il risarcimento in soldi pubblici e maggiore flessibilità, questo è certo, a dimostrazione ulteriore, non che ce ne fosse bisogno, che causa e cura di questa pandemia coincidono, mostrano in qualche modo lo stesso volto. Lo stesso sistema che ha procurato la distruzione di ecosistemi, che ha prodotto i cambiamenti climatici e pandemie come conseguenze nemmeno troppo imprevedibili (sono decenni che da più parti si lanciano allarmi), che ha sottratto il diritto alla salute contaminando le matrici ambientali, deprivando intere aree della minima assistenza sanitaria, o definanziandola in modo brutale e indirizzandola verso modelli di gestione privata, vuole oggi con gli stessi strumenti e modelli di governance, uscire dalla crisi pandemica. Ciò che ci rende ottimisti è che il coranavirus, e la sua replicabilità in altre forme in grado di conservare la stessa invasività, abbia la forza di aver reso nudo il re, di aver reso evidente ai più la necessità se non l’impellenza di un cambiamento radicale delle regole.

Tutto ciò che non sembrava possibile il coronavirus lo ha reso praticabile anche se non sappiamo fino a che punto. Tranne la strenua e potenzialmente omicida fiducia nell’immunità di gregge che vede riuniti su posizioni differenti USA e Gran Bretagna, il resto del mondo ha dovuto sancire il primato della salute (della vita), il diritto delle persone a un’esistenza dignitosa svincolata dai patti di stabilità di ogni dove che hanno mostrato ogni crepa possibile, ogni inadeguatezza immaginabile. Chi salderà il conto di questa umana torsione dell’oggi, come si pagherà questo salutare ravvedimento che sembra aver intaccato il mondo intero? Non certo le caritatevoli donazioni di chi si è arricchito sulla povertà altrui, non certo con misure economiche congiunturali e non strutturali. Il coronavirus ha palesato l’esigenza improcrastinabile del servizio pubblico basato sulla progressività fiscale del chi più ha più metta, e ha dimostrato allo stesso tempo la fragilità della vulgata maggioritaria antitassazione. Le tasse, in un modello di compatibilità umana, sono ineludibili, perno fondante di una società non darwinistica che vede la protezione dei più deboli come elemento di forza. Questo in ottica stat(u)ale. Nella visione di un insieme molteplice invece, la progressività fiscale della tassazione si traduce nella mutualità fine a se stessa,  nel cooperare per cooperare senza essere ridotto a mero economicismo, nell’empatia che ti permette di costituirti attraverso l’altro. Il denaro altro non è che convenzione, la sua valorizzazione, l’elemento divisivo di ogni tempo. Il coronavirus offre oggi la possibilità, ci indica la via di far tornare il denaro equivalente universale che semplifica lo scambio sottraendolo una volta per tutte al ruolo di notaio di un’asimmetria dalla verticalità vertiginosa non più tollerabile.

Sta a noi

Ad oggi il sistema ha risposto mettendo a debito, oltre il patto di stabilità, un sacco di soldi, e tanti altri ne dovrà tirare fuori quando gli epigoni del libero mercato, coi soldi di tutti, chiederanno il conto della sospensione della produzione per interi settori produttivi. Dunque i soldi ci sono. E ci dovranno essere per rifinanziare il servizio sanitario, per estendere il reddito di base, per mettere in sicuro la vera vita. Sappiamo che per fare questo sarà necessario mettere in campo strumenti di lotta-comunicazione-relazione che siano in grado di soggettivare interagendo senza limitarsi a pontificare o peggio ancora vaticinare su ciò che sarà o non sarà.

Una scena della trasposizione teatrale di Full Monty. Foto concessa dalla Otterbein University Theatre & Dance

Altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

N.B. I commenti devono essere approvati da un amministratore prima di venire pubblicati. Se non vedete subito il vostro commento è perfettamente normale, non serve che lo scriviate nuovamente. Grazie!