L’inchiesta di Fanpage e noi

Affinità e divergenze

L’inchiesta del giornale online Fanpage, che ha utilizzato «agenti provocatori» per verificare se alcuni soggetti impegnati in Campania nello smaltimento dei rifiuti fossero “sensibili” alle sirene della corruzione, solleva diversi interrogativi: sul tipo di giornalismo cui si è ricorsi (non una semplice inchiesta, ma la creazione di una “trappola” per vedere se il sospettato ci […]


Isolare i razzisti

Far vivere la democrazia

E adesso ti metti a scrivere pure tu di razza, di razzisti, di Fontana, di campagna elettorale? Ma dai, basta: tra battute, litigi da social, editoriali, da ieri pomeriggio, da quando il leghista “moderato” Fontana – che non è mica come quell’“estremista” di Salvini – ha detto che i negri mettono a rischio la sopravvivenza […]


Brushwood

Una "boscaglia" di (in)giustizia

Dieci anni fa l’operazione Brushwood, condotta dal generale del Ros Ganzer, ai danni di alcuni ragazzi di Spoleto tra roboanti arresti e accuse di terrorismo. Una vicenda giudiziaria che ha dell’incredibile. La ricostruzione dell’accaduto, e di come delle ipotesi iniziali non è rimasto praticamente nulla


Radio ribalta

Perché il web è un'altra cosa

Presi dal fare, a volte può capitare di dare per scontate le cose. Allora: da circa un mese andiamo in onda tutti i giovedì dalle 17 alle 18 su radio Galileo, emittente ascoltabile in modo “tradizionale” in Umbria e nell’alto Lazio, fino a Roma (le frequenze le potete trovare qui); in streaming, da qualunque posto […]


Ribalta, perché?

Cosa siamo, cosa saremo, cosa vi chiediamo

È passato poco più di un anno e mezzo da quando ribalta è entrata in rete. L’abbiamo presentata dicendo che «se dalla tua prospettiva vedi un mondo che va al contrario hai due possibilità: o cominci a camminare sulle braccia per guardare al contrario a tua volta, o provi a mettere le cose nel verso […]



Migranti e luoghi comuni

Ancora sui miti da sfatare

L’invasione dei profughi non esiste; gli stranieri non stanno aumentando, non sono tutti profughi, tutti maschi, tutti africani, tutti musulmani (anzi); gli immigrati non arrivano dai paesi più poveri e non sono i più poveri. Lo dice uno studioso molto ferrato sul tema.


Maschi violenti

Gli alibi e le colpe

Stavolta è stata Noemi, giovanissima stroncata da un giovanissimo. E allora vi esercitate su quant’è difficile l’adolescenza, quanto pericolosa è la droga, quanto rincoglionisce la televisione (e però ne avete una per stanza). Ma ieri sarà stata, che ne so?, Laura, commessa quarantenne; l’altroieri Roberta, disoccupata di venticinque anni; l’altro giorno Monica, cinquantenne bancaria divorziata; […]


Stranieri, rabbia e capri espiatori

Fa allargare le braccia: non si capisce che quello degli stranieri non è il “nostro” problema principale (ammesso che sia un “problema”). Facile fare un elenco: povertà e disuguaglianze economiche; lavoro che manca, iper-precario e eccessivo; evasione fiscale; accesso disuguale alle cure mediche; future pensioni; questioni ambientali; corruzione; inefficienza della pubblica amministrazione; mafie; dissesto idro-geologico […]


L’odio? È reciproco

In questi giorni, e non solo, c’è chi parla di “invasioni barbariche” e del fatto che “noi” stiamo aprendo i confini a orde di persone che poi alla fine non faranno altro che “conquistarci”. Il santone a cui ci si appella, di solito, è Oriana Fallaci. Ma le nostre, di invasioni barbariche, ce le dimentichiamo? Le […]


Migranti

La slavina che rischia di travolgerci

Quando da piccoli ci spiegarono e fecero studiare cosa furono il nazismo, l’olocausto e il fascismo, noi, impressionati e in un’epoca in cui tutto l’orrore che ci raccontavano era più vicino cronologicamente ma assai più lontano come scenario realizzabile rispetto a oggi, ci chiedevamo spaesati come fosse stato possibile tutto quello sotto gli occhi, e […]




La capacità di dire “no”

E costruire la speranza

Oggi viviamo una “crisi della speranza” e non riusciamo a pensare ad un futuro migliore. Un contesto adatto per il radicarsi dei populismi di destra. Occorre fare opposizione e denuncia, ma anche essere capaci di “costruire sogni” e orizzonti per le persone, perché tutti abbiamo bisogno di dare un senso all’esistenza. È per questo che, per Podemos, bisogna arrivare ai vertici della piramide, dove si concentra la maggior parte delle risorse, e pretendere che la ricchezza venga condivisa con tutti.


Mobilità

Il sonno della politica genera morti

Sono centinaia i decessi di pedoni e ciclisti investiti ogni anno. Sintomo della insostenibilità di un modello centrato sulle auto che stanno congestionando sempre più le città. Le soluzioni ci sarebbero, quello che manca è la volontà di attuarle