Il lavoro nell’era del non lavoro

Cioè lo sfruttamento

Sempre più le persone sono costrette a «formarsi da sé» per accrescere il proprio «capitale umano», e sempre più sono costrette a lavorare a intermittenza, non riuscendo a conseguire quella cittadinanza basata proprio sul lavoro che non c’è più


Genitori-figli

I rischi dell'ipercura

Il modello di famiglia patriarcale è andato in soffitta, ma quello eccessivamente democratico rischia di produrre una generazione di persone disabituate alla responsabilità e incapaci di affrontare i conflitti


Le tasse? Sorpresa

Ecco chi le paga

A giudicare dalla vulgata sembrerebbe che i tartassati siano i ricchi o chi invoca la disobbedienza fiscale. I dati dicono altro: la gran parte delle entrate tributarie in Italia è garantita da dipendenti e pensionati, gente che campa con 1.400 euro al mese


Il pane, ma anche le rose

Quello che la crisi nasconde

Non c’è solo l’impoverimento generalizzato. La mancanza di reddito e il precariato minano le persone dal di dentro, danno luogo a un malessere individuale che ha una radice profondamente sociale. Ci sono anche le statistiche a dimostrarlo. Le strade per uscirne ci sono, a cominciare da una: illuminare l’invisibile


Il rapporto Edelman

Quella ricerca di alternative

La sfiducia crescente nel “sistema” porta le persone ad appoggiarsi ai populismi perché quella è l’unica risposta che trovano. Ma il malessere profondo cerca risposte all’altezza della sfida. Lo dimostrano le risposte degli scettici al sondaggio Edelman, che nascondono sorprese


Blocco del traffico

L'emergenza inutile (e dannosa)

I provvedimenti di limitazione alla circolazione dei veicoli sono diventati una consuetudine. Dietro il loro paravento, la mancanza di politiche serie per la mobilità in città asservite alle lobby dei soliti noti. Eppure le buone pratiche cui ispirarsi non mancano

Categorie e argomenti
Idee

Psicofarmaci, uomini e donne

Con la crisi sulle spalle

L’uso dei medicinali è in aumento a causa della crescente farmacologizzazione del quotidiano, che inizia nell’ambulatorio del medico di base. È favorito da un paradigma culturale che accetta il ricorso alle sostanze come rimedio privilegiato, rapido ed efficace. Ma esistono differenze di genere. I risultati di una ricerca sul campo






Referendum

Perché no

Non è vero che il Sì riforma e il No conserva,
e neanche che le procedure si snellirebbero
L’Italia con la Costituzione del 1948 è cresciuta
Intervista al professor Mauro Volpi

Categorie e argomenti
Idee


Le auto e il governo (che non c’è)

Più schiavi che liberi

I costi di mantenimento del parco macchine sono altissimi. Eppure l’Italia vanta il record di motorizzazione, con una piccola regione a fare da capofila. Perché? C’entra il fatto che il governo del territorio è stato abbandonato e lo sviluppo è determinato da interessi che sono quelli dei soliti pochi


Italia povera

Se 4 milioni vi sembrano pochi

In queste settimane si è parlato dei 4 milioni e mezzo di poveri residenti in Italia. La cifra, certificata dall’Istat, è davvero molto alta, più che doppia rispetto al 2005. Vediamo le caratteristiche dei poveri oggi e le condizioni sociali che favoriscono la deprivazione materiale.