Amatrice, quel muro rimasto in piedi

Il Corriere della Sera online, alle 19.32 del 24 agosto 2016, scriveva “Amatrice, il muro rimasto in piedi dopo il terremoto: nel centro di Amatrice semidistrutto è rimasta in piedi solo la parete di un palazzo”. Non era un palazzo, era casa Ciaralli. Certo: i ricordi restano in piedi. Forti. Vivi. Non svaniscono mica con […]


Clara Sereni

Un saluto, un tributo

Amo leggere, leggo molto. Pochi libri nella mia vita hanno lasciato il segno come “Il gioco dei regni”, di Clara Sereni. Lo lessi alla sua uscita, nel 1993, ormai 25 anni fa. Eppure ricordo le parole, i pensieri, le lacrime e i sorrisi. Ricordo le vite intense e cariche di storia che scorrevano in quelle […]


L’età del pensiero breve

In questo inizio di millennio, spesso, soprattutto nelle discussioni sui social, ci viene chiesto quale sia la nostra soluzione concreta per affrontare problemi epocali che interessano vari strati della popolazione e che possono essere problemi sistemici. Elemento preesistente nelle discussioni politiche da quando ho memoria, ma che si manifesta con tratti di novità. Dico “possono […]


Spezzare il recinto

Prendere parte

Non si può rimanere equidistanti dinanzi alla clandestinizzazione dell’umanità. Occorre prendere parte, anche per rovesciare l’apparente buon senso di chi trasforma la percezione distorta in realtà


L’era della solitarietà

E la "t" non è un errore

Una delle conseguenze dei trenta anni che abbiamo alle spalle è la solitudine generalizzata che ha inibito anche la possibilità di mettere in atto delle azioni per contrastarla. Ne discendono conseguenze a ogni livello. A cominciare dal riconoscimento e l’esercizio dei diritti e dalla vita di tutti i giorni



I fan di Traini sono tra noi

Parliamoci

Stanotte mi sono addormentato tardi. La mia mente perversa si è appassionata a quei post di amici degli amici in cui si commentava ammirati la triste sorte del patriota Traini che, per risolvere i problemi sociali prodotti dalle migrazioni, si è messo a sparare a caso su ragazzi inermi assolutamente innocenti, o meglio, colpevoli di […]


La crisi partorisce mostri

E i mostri sono pericolosi

Se c’è un tempo fagocitatore di idee, e al tempo stesso siviera di buone intenzioni corredate da facili promesse, quel tempo è la campagna elettorale. Il maggioritario, mezzo salvifico imposto a colpi di propaganda per uscire dal tunnel di mani pulite, si è rifatto in parte proporzionale. Non è stato sufficiente cioè svestire la matematica […]


Senza andare appresso al branco

Spesso mi chiedo come farà Guglielmo, mio figlio, da grande, a districarsi in questa società che andando avanti regredisce sempre di più, portando alla luce distopie e dicotomie che appartengono più al medioevo delle superstizioni, delle streghe e dei miracoli che al XXI secolo. Non c’è mai uguaglianza, non c’è mai parità. Tutto è solo […]


Caminetti, accattonaggio

E tanta ipocrisia

In Umbria una delle battaglie ricorrenti tra le varie municipalità è la conquista della centralità geografica più o meno certificata dell’Italia, i più arditi tra i campanilisti, folgorati sulla strada maestra della globalizzazione, pretendono financo di essere il centro del mondo. Di questi giorni due notizie opposte nel dispiegarsi ma simili nella genesi tengono due […]


Scrivete per la comunità

Se vi va

Qui a ribalta siamo allergici alla retorica. E pensiamo che scrivere – e tentare di farlo bene – sia un mestiere, anche difficile, più difficile di quanto comunemente si pensa. Abbiamo però anche dato vita a un animale strano, come l’abbiamo definito. E soprattutto, camminiamo domandando, pur avendo dei punti saldi; e le cose che […]