Le reti sociali aiutano. Ma sono disuguali (e di meno)

Perché le reti sociali contano così tanto per il benessere? Che tipo di aiuti ci si può aspettare da chi fa parte delle nostre cerchie? Domande a cui cerca di rispondere il Rapporto annuale 2018 dell’Istat, da cui emergono disuguaglianze anche su questo versante; e il fatto che (a sorpresa?) in Italia le reti di sostegno sono meno presenti rispetto alla media europea.


La società delle dipendenze

Quando si parla di dipendenze si fa riferimento alle sostanze classiche, invece la nostra è una società che ne crea diverse di dipendenze perché chiede molto, troppo, a chi la abita. Per questo il fenomeno delle droghe è una questione complessa




Rovesciare (per tornaconto) le parole: il “bispensiero”

Il “doublethink” (pensiero doppio o bispensiero) è la capacità di affermare sia la verità che il falso, di essere sia di destra che di sinistra. Molti temi ne stanno subendo l’utilizzo (la flat tax, il reddito di cittadinanza, la cancellazione dei fondi all’editoria) e molti attori politici ne fanno grandissimo uso (su tutti, Donald Trump)


Capire il popolo

Sessanta interviste a persone appartenenti al ceto medio-basso e residenti nei quartieri popolari di quattro città: Cosenza, Firenze, Milano e Roma. Ne è scaturito “Popolo chi?”, volume appena pubblicato da Ediesse. Una ricerca che è una mappa preziosa per capire il popolo al di là delle rappresentazioni mediatiche che lo descrivono senza conoscerlo. Ne pubblichiamo la premessa per gentile concessione degli autori


L’arcobaleno del Perugia Pride

Nelle scuole di giornalismo insegnano a non scrivere mai in prima persona. C’è questa storia della neutralità, e quindi della “impersonalità” dei giornalisti molto malintesa, che approssimata per eccesso diventa non di rado ignavia, che è uno dei tanti modi per stare dalla parte del più forte. E poi nessuno è neutrale, neanche la mattina […]


Quando l’impresa passa in mano ai lavoratori

Questo è l’estratto di una ricerca su due esperienze di particolare rilievo: il worker buyout e gli spazi sociali recuperati, due opzioni alternative alle crisi e alle chiusure aziendali. Ne emerge un quadro variegato, ma caratterizzato da moltissimi aspetti positivi: il potenziamento delle possibilità di autorealizzazione di lavoratori e lavoratrici, la messa in pratica di un modello realmente cooperativo, la risposta concreta alla disoccupazione e le ricadute positive sull’economia nazionale


Reddito per tutti, perché solo per i poveri non basta

Le misure di sostegno al reddito rivolte solo ai poveri (come il Reddito di Cittadinanza) troppo spesso non fanno uscire dalla povertà e non “aboliscono la miseria”. Troppi sono gli individui che ne restano fuori, per diversi e seri motivi. Un “reddito per tutti” risolverebbe questo problema. Alla radice.






Chi sa e chi non sa, o degli “intellettuali” e le “masse”

Murgia, Raimo, Serra, Cappozzo, etc. etc. In questi giorni si è aperto un piccolo dibattito (chissà quanto seguito, in realtà) sul sapere e sui mestieri, sul lavoro e sul non lavoro, sui calli alle mani e sui libri letti. Insomma, la vecchia questione se “valga di più” aver studiato o saper fare, mettere una parola […]