Se ci vuoi sostenere, contattaci, grazie!

E adesso ti metti a scrivere pure tu di razza, di razzisti, di Fontana, di campagna elettorale? Ma dai, basta: tra battute, litigi da social, editoriali, da ieri pomeriggio, da quando il leghista “moderato” Fontana – che non è mica come quell’“estremista” di Salvini – ha detto che i negri mettono a rischio la sopravvivenza della razza bianca, non si fa che parlare di questo! Che c’hai da aggiungere tu? No, no, niente. Io voglio parlare di cose piccole, piccolissime, ché magari, tutti presi da concetti alti (Darwin, l’antropologia, la zootecnia – pare che l’uso più opportuno della parola “razza” sia associato proprio alla zootecnia) possono sfuggire. Che poi se non avessi letto Zerocalcare sull’Espresso di domenica scorsa, magari non mi sarebbe neanche venuto in mente di scriverle, queste cose. E sia chiaro, la responsabilità di quello che sto per scrivere, ovviamente, è tutta mia: Zerocalcare non c’entra, non c’ho neanche mai parlato.

Dunque: dice Zerocalcare che i nazifascisti non sono tanti. Lui sostiene che va fatta una distinzione netta tra i “militanti di organizzazioni neofasciste” e “la barbarie trasversale diffusa in questo paese” perché sostanzialmente (semplifico molto, eh) barbari si diventa dopo essere stati sottoposti a un racconto giornalistico fatto di criminalizzazione sistematica degli stranieri, mentre i nazifascisti organizzati (sull’uso del termine nazifascismo rimando a Zerocalcare sull’Espresso, ché sennò questa cosa diventa troppo lunga) speculano proprio sul pregiudizio xenofobo, lo nutrono, ne fanno un programma politico basato sulla violenza e sul presunto primato della presunta razza bianca. Dice Zerocalcare, allora, che i nazifascisti, o nazisti tout court, “non sono tanti, ma non occorre essere in tanti per fare molto male nell’esistenza delle singole persone, in piccolo. Bastano pochi tagliaforbici storti” (e pure sull’uso della definizione di “tagliaforbici storti”, rimando a Zerocalcare sull’Espresso).

Fanno male i fascisti organizzati?
Sì, parecchio, anche se sono quattro sfigati
Picchiano sistematicamente, e uccidono

Fanno male i nazifascisti organizzati? Sì. Parecchio. Anche se sono quattro sfigati. Ammazzano, per esempio (Davide Cesare, Renato Biagetti, Nicola Tommasoli, Samb Modou, Diop Mor, Emmanuel Chidi Nnamdi sono i nomi di vittime fatte dal 2003 a oggi, li elenca il solito Zerocalcare). Picchiano “sistematicamente i bengalesi sulla Prenestina”, dice Zerocalcare che a Roma ci vive e la conosce. E fanno raid più o meno quotidiani che solo a stento vanno in cronaca nazionale. Io sulla responsabilità di chi fa e subisce il racconto giornalistico ci vado un po’ più pesante di Zerocalcare, perché penso che la barbarie la riconosci e la puoi evitare, non è detto che tu gli debba proprio andare in bocca, ma non è questo il punto.

Il punto è che stamattina, come tutte le mattine, ho accompagnato i miei due figli a scuola. Sotto casa mia ci sono due istituti superiori, e tutte le mattine mi tocca aspettare nell’auto ferma in fila che gli autobus davanti alla mia macchina scarichino decine di adolescenti che attraversano la strada per raggiungere le scuole. Non ci faccio mai caso, stamattina invece mi sono saltati agli occhi due ragazzetti neri. Quando l’autobus davanti a me è ripartito, e io sono gli andato dietro, stavo pensando a quanti ragazzini di origine straniera c’erano dentro quell’autobus: i neri li vedi, spiccano, quello che ha i genitori nati in Lituania no.

Le nostre scuole sono piene di figli
di gente onesta che sono stati offesi
dalle parole sulla razza bianca

La prima figlia che scarico è la maggiore. Frequenta la scuola media. Mentre la guardavo entrare, ho pensato a Ledana, una sua compagna di scuola che ha i genitori albanesi. E ad Azzurra, la sua amica del cuore, che ha madre e padre di origine napoletana, che se la Lega era quella di qualche anno fa, magari ti capitava un Fontana che diceva che i napoletani mettono a rischio la razza padana. Mi è venuto in mente Marco, un altro compagno di scuola di mia figlia, che ha il nome italianissimo ma la madre e i tratti del viso colombiani.

Poi ho proseguito per un altro chilometro e ho accompagnato il secondo figlio, che frequenta le elementari; all’ingresso ho incrociato la madre di Edward, suo compagno, che è nata in Perù. Ho caricato lo zaino sulle sue spalle (di mio figlio, non della mamma di Edward) e l’ho guardato mentre entrava in classe, dove raggiungeva Adam, figlio di due polacchi: lei vive qui, il marito è stato costretto ad andare in Austria per lavorare e torna quando può; Maria, che nonostante il nome è figlia di due persone nate in Lettonia; Davide, nato dal matrimonio di un italiano e una algerina (scura di carnagione); Luca (padre italiano e mamma marocchina); Adelina, nata dall’unione di due rumeni;. Nadia, di famiglia rom.

Sono tornato a casa e sulle scale ho incrociato Lisa che andava al lavoro. Si fa chiamare così perché sono vent’anni che vive in Italia e qui ha fatto anche due figli, ma è nata in Ecuador. Mio figlio gioca spesso con i suoi, sono coetanei, e io la riaccompagno a casa quando i piccoli (mio e suoi) escono dalla piscina, ché il marito lavora fino a tardi e lei non ha la macchina. E, per dire, oh, non mi sono mai sentito messo a repentaglio nella mia identità di bianco nonostante lei abbia evidenti tratti dei nativi precolombiani.

Salendo le scale ripensavo a Ledana, Marco, Edward, Adam, Maria, Davide, Luca, Adelina, Nadia. Mi sono ritornate in mente le facce dei due adolescenti neri che avevano attraversato la strada davanti a me dieci minuti prima. E ho pensato a Larisa, cinquantenne moldava che fa la pulitrice ed è riuscita a portare qua i figli per fare il ricongiungimento dopo anni di sacrifici. Ora loro due lavorano in provincia di Milano, e lei è riuscita a vederli per le feste solo perché è andata su lei (vive a Perugia) poiché i due, che lavorano in uno di quei posti che vendono mobili la cui “forza è il prezzo”, avevano libero solo il giorno di Natale, essendo costretti dai turni a lavorare sia la vigilia che il giorno di Santo Stefano, che io poi vorrei vederlo uno che va a scegliere i mobili o se li fa montare in casa il giorno della vigilia o quello di Santo Stefano.

Alle ultime due rampe, ho pensato che la democrazia, se la interpreti in senso riduttivo, è a misura della maggioranza e se ne infischia delle minoranze (questa non è roba mia, ci sono stati scritti sopra diversi libri, anche se magari Fontana e quelli come lui non lo sanno). E gli spiriti animali dei tantissimi Fontana da cui siamo contaminati, inseguendo l’addome della maggioranza, fanno male. Non picchiano, non uccidono. Ma fanno male a Ledana, Marco, Edward, Adam, Maria, Davide, Luca, Adelina, Nadia. Che sono bellissimi, come tutti i bambini, ma ieri hanno avuto occasione per sentirsi diversi in maniera brutale perché qualcuno ha detto che loro mettono a rischio la razza bianca (credo che per Fontana anche moldavi, lettoni e rumeni siano da classificare come negri contaminanti). Fanno male, i Fontana, ai due adolescenti neri che magari oggi avranno a che fare con qualche compagno di classe un po’ più coglione degli altri che si sentirà autorizzato a bullizzarli. Fanno male alle tante coppie padane e bianchissime che adottano figli nati in altri continenti.

Ci sarà il politologo di turno a spiegare
che non è da queste cose che si giudica un partito
Ma le parole di Fontana hanno fatto male. A tanti

Pensavo a tutte queste cose, mentre infilavo la chiave nella toppa. Zerocalcare, Fontana, Larisa, i bambini, gli adolescenti. E ho pensato che la democrazia non può tollerare che ci sia qualcuno che la usa per fare male ad altri. Pochi o tanti non importa, perché sono comunque sufficienti a “fare molto male all’esistenza delle singole persone”, come dice Zerocalcare. Ora ci saranno lo storico e il politologo di turno che storceranno la bocca, avvertiranno un’irresistibile puzza sotto il naso e saranno pronti a categorizzare, osservare le grandi tendenze, invitare a non generalizzare, a non “farsi prendere dalla passione”. Sottovalutando la carne e il sangue delle persone, ascrivendo tutto alla campagna elettorale, minimizzando “perché non è da queste cose che si giudica un movimento politico”, e considerando le parole dei Fontana alla stessa stregua delle promesse farlocche da campagna elettorale. No. Perché la democrazia o è per le persone o non è. E i Fontana, come i nazifascisti, vanno isolati, messi in una riserva, indicati come il male perché fanno male. Ché sennò non ci si capisce più, non si capisce più a che serve, la democrazia, se non riesce a difendere chi non deve subire il male gratuito, che sia inferto per programma politico o per ignoranza.

In copertina, foto di Silvs98 rilasciata su Wikipedia in licenza Creative Commons
print
Fabrizio Marcucci
Scrivi un commento

Lascia un commento