Se ci vuoi sostenere, contattaci, grazie!

Inizia con questo articolo un viaggio di ribalta nel mondo del lavoro. Una riflessione (in più puntate) sul “tema dei temi” della società di oggi, quello più dibattuto in tutte le salse e in tutti i luoghi. Cominciamo, diciamo così, dalla fine: ci siamo occupati parecchio del reddito per tutti e di come una misura del genere costituisca una delle novità più promettenti per combattere la povertà. In questo primo articolo, proviamo a legare il discorso del reddito con quello, appunto, del lavoro.

Sganciare il diritto al reddito dal diritto al lavoro

Lanfranco Caminiti ha scritto che oggi “definire il lavoro è forse la cosa più importante e complicata che c’è”; e tutto il dibattito sul Reddito di cittadinanza o di nascita o di inclusione o di base o quello che è, che in questo periodo sta dilagando (un po’ meno in questi giorni, a dire il vero, ma tornerà), ruota attorno alla stessa domanda: il reddito per tutti, dice Caminiti, “se lo facciamo, lo facciamo che sia un’appendice del lavoro (nel senso più astratto che c’è) o lo facciamo per conto suo?”. Cioè: “o una misura per mitigare e combattere la povertà, o una misura di progressiva liberazione dalla schiavitù del lavoro in un mondo che dovrebbe essere sempre più ricco e sempre meno legato alla prestazione di scambio forzalavoro-denaro”. Chi sostiene il reddito per tutti lo fa pensando che sia giusto sganciare il diritto al reddito dal diritto al lavoro, e considerarlo come uno dei diritti essenziali, accanto a quello all’istruzione primaria, alla salute, all’accesso ai servizi pubblici, alla sicurezza e alla giustizia. Come esiste la garanzia di poter intraprendere e terminare gli studi e di potersi far curare, così dovrebbe esistere quella di potersi vedere riconosciute le risorse economiche fondamentali per condurre una vita almeno dignitosa.

In realtà, più che sul lavoro in senso stretto, il tema del reddito per tutti si intreccia con la centralità sociale del lavoro, cioè il principio regolativo forse più radicato nella società occidentale. Nel fordismo del dopoguerra, quello del pieno impiego e del compromesso tra capitale e lavoro pattuito attraverso lo sviluppo del welfare state, i diritti sociali erano strettamente legati all’occupazione. Il lavoro, scrivevano Bascetta e Bronzini vent’anni fa, un po’ in tutte le Carte costituzionali europee è stato assunto come “principio di mediazione tra la cittadinanza astratta, cui è connessa la sovranità politica, e il piano sociale: l’homme situé, il soggetto che lavora, in virtù della sua concreta collocazione sociale vanta diritti di natura individuale e collettiva che ne tutelano e valorizzano lo specifico ruolo di ‘produttore'”. Oggi non è più così e lo scenario attuale è molto diverso: “quello di una società fondata non più sull’eguaglianza dei cittadini rispetto al lavoro, ma sulla diversità della loro condizione sociale rispetto all’accesso al reddito, per via della loro diversa condizione lavorativa“. Se cambia il lavoro e se il lavoro era la base per accedere allo stato sociale, deve cambiare, semplicemente, anche il welfare state, e quindi la garanzia di una vita che non sia, prima di tutto, fatta di povertà.

Il lavoro è scarso: o non c’è, o è precario, o non basta, o è troppo

Ulrich Beck, nel 2007, quindi prima della crisi, sosteneva che la disoccupazione di massa e la povertà non sono un segno della sconfitta, ma, al contrario, della vittoria delle società del lavoro moderne, “poiché il lavoro diventa sempre più produttivo e c’è sempre meno bisogno di lavoro umano per ottenere una quantità sempre maggiore di risultati”. Il rovescio della medaglia della filosofia della piena occupazione è la povertà senza uscita: “l’utopia della società del lavoro era stata quella di liberare dal giogo del lavoro. Ora siamo giunti proprio a questo punto”. Un punto in cui il “male radicale” della disoccupazione di massa e di lungo periodo, scrive Bronzini, è “penetrato da tempo come elemento strutturale nelle società occidentali e sono sempre meno coloro che credono alla reale possibilità di ripristinare una società del pieno impiego”.

Ma disporre delle risorse necessarie ad una vita almeno decente è un bisogno la cui importanza non può essere oscurata dal richiamo al valore del lavoro, come sostengono Granaglia e Bolzoni. Anche perché, oggi (soprattutto dopo la crisi), è evidente la scarsità oggettiva di lavoro. Semplificando al massimo, possiamo dire che il lavoro, oggi, o non c’è; o, se c’è, è soprattutto precario, in particolare per i più giovani, oppure troppo spesso non basta ad arrivare a fine mese; oppure ancora, per chi ce l’ha, è troppo. In più, il lavoro non è più un fattore e un veicolo di appartenenza e identificazione o un elemento che sostanzia la dignità della vita per chi lo svolge, o perlomeno non lo è più come fino a qualche decennio fa, oppure ancora non lo è per una grandissima quantità di individui. Ecco perché il grande economista Anthony Atkinson ha affermato perentoriamente che “il mutamento nella natura dell’occupazione è uno dei motivi per cui propongo un’alternativa radicale alle forme esistenti di protezione sociale”.

A chiudere, per ora: come scriveva ancora Ulrich Beck, “dobbiamo finalmente porre all’ordine del giorno queste questioni: come si può condurre una vita sensata anche se non si trova un lavoro? Come saranno possibili la democrazia e la libertà al di là della piena occupazione? Come potranno le persone diventare cittadini consapevoli, senza un lavoro retribuito?”. E aggiungeva subito dopo che avremmo bisogno di un reddito garantito pari a circa 700 euro: “non è una provocazione, ma un’esigenza politica realistica”.

Andiamo più nel profondo del “tema dei temi”, allora. Nella prossima puntata lo faremo chiedendoci, innanzitutto, se abbia ancora senso contrapporre disoccupati e occupati e come impatterà la robotizzazione sugli impieghi di domani.

LEGGI LA SECONDA PUNTATA

8

Foto tratte da Basic Income Images e Basic Income Quotes.
print
Ugo Carlone
Scrivi un commento

Lascia un commento