Un pamphlet contro la "sacralizzazione" del lavoro. Perché lavorare a volte può essere una costrizione, può essere umiliante, e può sottrarre tempo ed energie ad attività importanti. E perché non è vero che l'ozio è il padre dei vizi

Se ci vuoi sostenere, contattaci, grazie!

Ci avevate mai pensato che Gesù Cristo era un fannullone, viveva vagabondando e oggi non avrebbe neanche diritto a un sussidio di disoccupazione poiché non potrebbe dimostrare di star cercando lavoro? E non è meritocratico: fa riempire le reti a Pietro, ormai sfiduciato, con un miracolo. Questa immagine la deduco da un prezioso pamphlet di Lucilio Santoni e Alessandro Pertosa, Lavorare sfianca (Enrico Damiani Editore). E anche il Dio dell’Antico Testamento è il Dio della lentezza e del riposo, della contemplazione e della immobilità (sta spesso “in pausa”!). Queste sottolineature sono particolarmente utili perché si dice sempre, enfaticamente, che le radici dell’Occidente sono cristiane. Beh, dobbiamo sapere allora da dove veniamo. Ma anche se ipotizzassimo radici classiche, greco-romane, del nostro continente, ci troveremmo comunque di fronte a una avversione radicata per il lavoro e alla celebrazione dell’otium contemplativo: “L’ozio è il padre dei vizi è la più grande sciocchezza che la cultura del lavorismo abbia mai inventato…è vero, invece, che nelle società dove più si lavora, più si è in balìa delle dipendenze (da sostanze o modelli aberranti di comportamento)”.

Il saggio di Pertosa e Santoni mette in discussione il mito del lavoro e la cultura del lavorismo – a cominciare da quell’incredibile pasticcio compromissorio che è il primo articolo della Costituzione – che abbraccia pressoché tutte le ideologie politiche e fedi religiose dell’Occidente e anche dell’Oriente. Gli autori si appellano a un’altra tradizione, e si fanno interpreti di una corrente eretica (cristiana e anarchica) che valorizza l’ozio, la quiete, la convivialità, il gioco, la creatività, l’eros, la vita frugale. E che non demonizza il lavoro tout court. Se per Primo Levi amare il proprio lavoro è l’utopia più alta da immaginare (e aveva in mente soprattutto il lavoro artigianale), i due autori suggeriscono di non chiamarlo più lavoro ma “vocazione“, e aggiungono che però anche il lavoro più creativo e appagante, se diventa obbligo, routine, fatica quotidiana, viene fatalmente a noia. E poi siamo ormai ricchi e tecnologici abbastanza, nel mondo contemporaneo, per permetterci un reddito universale di base per tutti. Da dare anche ai fannulloni vagabondi che girano per la Galilea.

In copertina, foto tratta da www.pixabay.com

 

copertina LAVORARE SFIANCA a.r. (1)

Filippo La Porta
Scrivi un commento

Lascia un commento